A tu per tu con mister Luca Aloisi, allenatore della Rossanese

Mister Luca Aloisi
Mister Luca Aloisi

Mister Luca Aloisi, giovane tecnico emergente della Rossanese, si è concesso ai microfoni di IamCALCIO Cosenza per una chiacchierata sul calcio dilettantistico in generale e sulla stagione che verrà.

Mister, lo scorso anno con la Rossanese avete disputato un ottimo campionato, arrivando a ridosso della zona play-off. Quali sono le aspettative per la nuova stagione?

"Lo scorso anno abbiamo centrato la quinta posizione in classifica seppur non abbiamo disputato i play-off per il distacco dei punti dalla quarta. Per la nuova stagione, manca solo l'ufficialità per la mia riconferma sulla panchina della Rossanese. Insieme alla società e al direttore ci aspettiamo quantomeno di riconfermarci e di lottare per un piazzamento nei play-off".

Che campionato di Promozione si aspetta per la prossima stagione: livellato verso l'alto o verso il basso? 

"Per quanto riguarda il campionato che ci aspetta è ancora un po’ presto per parlarne. Solo ieri sono state perfezionate le iscrizioni e leggendo i vari appelli, diverse società hanno avuto problemi, però poi da qui a breve, come ogni anno, nascono sorprese e insidie. Una su tutte sarà la Vigor Lamezia che sicuramente sta allestendo una rosa di categoria superiore". 

Lei è un tecnico giovane ed emergente. Quali sono i concetti fondamentali che cerca sempre di trasmettere ai suoi calciatori?

"Un concetto su tutti è la spensieratezza, essere naturali e non schematici. Ma allo stesso tempo dico sempre che bisogna essere ambiziosi, quindi bisogna essere sempre professionisti nel nostro piccolo".

Qual è il ricordo più bello della passata stagione?

"Di ricordi belli la scorsa stagione ne ha regalati molti sia a livello personale ma soprattutto collettivo. Riuscir a creare un gruppo spensierato che ha dato filo da torcere a tutte le squadre del girone è stata una bella soddisfazione".

Quali sono, secondo lei, le principali difficoltà che si riscontrano oggi nel fare calcio a livello dilettantistico?

"Negli ultimi anni le categorie dilettantistiche sono cresciute molto a livello di strutture, si gioca prevalentemente su terreni nuovi sintetici. Secondo me bisogna adoperare un tetto massimo per i rimborsi spesa, così ogni calciatore riesce a percepire poco ma costantemente per l’intera annata calcistica. Ci vuole il giusto senza inferocire il mercato con promesse che difficilmente poi si riescono a mantenere".

Francesco Modaffari

Leggi altre notizie:ROSSANESE